Resoconto 2020

Irlanda 2020 – foto by Ari Anna

Era gennaio quando in cerca di emozioni forti presi la decisione di dare le dimissioni e partire per un viaggio di sola andata con zaino in spalle direzione Sud America. Il tutto è documentato in questo articolo scritto da me e pubblicato sul noto blog viaggiosoloandata. In realtà le cose non sono proprio andate secondo i piani dal momento che di lì a poco scoppiò la pandemia!! E così rimasi in azienda per altri 9 mesi lavorando da remoto.

Era giugno quando Ilaria di viaggiosoloandata mi intervistò per il podcast Il mio viaggio in quarantena. Tutti i paesi stavano per riaprire i propri confini e allentare le restrizioni e tutti speravamo a un ritorno alla normalità. Alla domanda “Prenderai in considerazione un altro viaggio a lungo termine?” risposi che sarei piuttosto rimasta in azienda e avrei preso un paio di settimane di vacanza per viaggiare in autonomia.

A luglio un secondo articolo intitolato Lavorare come nomade digitale in azienda raccontava della mia esperienza di smart working; a bordo di un’auto noleggiata avevo al tempo stesso lavorato e viaggiato unendo l’utile al dilettevole spinta da un forte desiderio di evadere dalle quattro mura casalinghe in cui avevo trascorso giorno e notte gli ultimi 4 mesi. A fine mese prenotai un volo per tornare una settimana in Italia.

Era settembre quando l’Irlanda minacciava un secondo lockdown che sarebbe successo di lì a poco e la mia mente reattiva non sopportava l’idea. E così diedi le dimissioni una seconda volta a distanza di 9 mesi (la durata di una maternità), impacchettai due anni e mezzo della mia vita irlandese, lo feci con poca disinvoltura; la mia era una scelta dettata dalle circostanze, l’azienda avrebbe continuato con il lavoro da remoto fino a data da destinarsi e io non sopportavo l’idea di non avere più interazioni reali con i miei colleghi. Immaginarmi a casa in una stanza davanti al monitor per otto ore al giorno per poi, finito lavoro, collegarmi al mio computer personale per praticare sport da remoto era una situazione che preferivo non ripetere. Erano esattamente 9 mesi che avevo preso la decisione di cambiare e mi dissi che quello era il momento di agire. Salutati tutti gli amici presi il volo di solo andata, direzione Nizza.

Ad aspettarmi in aeroporto c’erano mamma e papà, felici come non mai di riabbracciare la loro figliola! Il giorno dopo ero già in campagna circondata da decine di girasoli. Un nuovo capitolo?! Di questo vi parlerò nel prossimo articolo!

serra di girasoli, estate 2020

Pubblicato da Super Ale

Mi chiamo Alessia, per chi mi conosce bene Super Ale! Voli pindarici e colpi di scena assicurati!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: